Certificati anagrafici e dichiarazione di residenza online

Immediato e gratuito anche da App IO

  • Data: 13.02.24
  • Data di ultima modifica: 13.02.24

E' attivo il nuovo servizio di rilascio immediato dei certificati anagrafici per proprio conto o per un componente della propria famiglia, dal proprio computer o smartphone senza bisogno di recarsi allo sportello del proprio Comune. Il servizio è attivo per tutti i cittadini residenti in qualsiasi Comune italiano oppure iscritti all'AIRE.

I certificati anagrafici scontano la vigente imposta di bollo, con pagamento effettuabile durante il processo di richiesta, e possono essere rilasciati anche in forma contestuale (ad esempio nascita, stato di famiglia e residenza potranno essere richiesti in un unico certificato).

E' possibile richiedere il certificato indicando esenzione da bollo se il motivo della richiesta rientra tra i casi previsti dalla normativa.

La validità legale è assicurata grazie alla presenza di un sigillo elettronico QR Code.

E' inoltre possibile effettuare il cambio di residenza online, consultando le istruzioni tra i documenti in basso allegati oppure cliccando qui

TEMPI
Il cambio di residenza viene registrato nei 2 giorni lavorativi successivi alla presentazione della dichiarazione di residenza.

Lufficio provvede ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti. Qualora trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione presentata, non venga effettuata la comunicazione degli eventuali requisiti mancanti, la registrazione del cambio di abitazione si intende confermata.
In caso di accertamento negativo, viene inviata all'interessato comunicazione di preavviso di rigetto dando 10 giorni di tempo per presentare osservazioni scritte. Tale comunicazione sospende i termini per la conclusione del procedimento (45 giorni) che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine dei 10 giorni sopra indicati.

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli artt. 75  e  76 del Dpr  445/2000 che dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti e il rilievo penale della dichiarazione mendace. Nel caso in cui si dovessero riscontrare discordanze tra le dichiarazioni rese  e gli esiti degli accertamenti esperiti verrà segnalato quanto è emerso alle autorità di Pubblica sicurezza e sarà ripristinata la posizione anagrafica precedente

Nota bene: nella fase iniziale della procedura di cambio residenza il sistema chiede se è necessario formare una nuova famiglia oppure se nell'indirizzo di destinazione vi risiede già qualcuno (familiare oppure convivente). E' necessario prestare attenzione a questa fase per evitare di incorrere in problematiche relative alla corretta formazione della situazione di famiglia. L'Ufficio Demografici resta a disposizione per ogni chiarimento, all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefono 0833281020 interno 3.

Per accedere al servizio clicca qui, sull'immagine o dal proprio smartphone attraverso l'App IO, prelevabile dallo store, cercando "Comune di Alezio" nei servizi locali

1624432012-anprart_1.jpeg

Al portale si accede con la propria identità digitale (SPID, Carta d'Identità Elettronica, CNS) e se la richiesta del certificato è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia per cui è possibile richiedere un certificato. Il servizio, inoltre, consente la visione dell'anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato .pdf o riceverlo via mail.

Si possono richiedere i seguenti Certificati Anagrafici:

  • di Nascita
  • di Matrimonio
  • di Cittadinanza
  • di Esistenza in vita
  • di Residenza
  • di Residenza AIRE
  • di Stato civile
  • di Stato di famiglia
  • di Stato di famiglia e di stato civile
  • di Residenza in convivenza
  • di Stato di famiglia AIRE
  • di Stato di famiglia con rapporti di parentela
  • di Stato Libero
  • di Unione Civile
  • di Contratto di Convivenza

Si ricorda che è comunque possibile utilizzare l'istituto dell'autocertificazione nei rapporti tra privati ed è obbligatorio l'utilizzo della stessa nei rapporti con la Pubblica Amministrazione o gestori di pubblici servizi.

Video


X
Torna su