Cambio di residenza

Data ultima modifica: 25.10.21

COSA
Attraverso la dichiarazione di residenza si sposta la dimora abituale nell’ambito del Comune di residenza.

Il cambio di indirizzo deve essere comunicato all’ufficio anagrafe entro 20 giorni dalla data in cui è avvenuta la variazione.

Requisito richiesto è avere la dimora abituale all’indirizzo dichiarato. Per gli stranieri extracomunitari è previsto il possesso di un regolare permesso di soggiorno. Per i comunitari sono previsti determinati requisiti in base al motivo dello spostamento, in tal caso si consiglia di rivolgersi all'ufficio.

COME
La dichiarazione di residenza deve essere presentata, utilizzando il modulo scaricabile da questa pagina, con una delle seguenti modalità:

  • a mezzo lettera raccomandata;
  • all'Ufficio Protocollo;
  • via telematica ad una delle condizioni di seguito specificate:

- che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale oppure FEA a mezzo CIE attraverso l'uso dell'APP "CIE Sign";

- che la dichiarazione sottoscritta con allegate copie dei documenti d’identità dei firmatari sia acquisita e trasmessa all'indirizzo pec: protocollo.comune.alezio@pec.rupar.puglia.it;

Il dichiarante deve fornire i seguenti dati seguendo le istruzioni dell'allegato modello ministeriale:

  • i dati anagrafici di tutte le persone interessate alla variazione anagrafica;
  • l’indirizzo esatto della nuova abitazione.
  • se va a costituire una nuova famiglia anagrafica o se entra a far parte di una famiglia anagrafica già residente all’indirizzo dichiarato: Nel caso in cui ci si trasferisca presso una famiglia già esistente, è necessaria la firma per assenso dell'intestatario della scheda di famiglia nello spazio dedicato alle firme degli altri componenti (ultima pagina), allegando un documento di riconoscimento.

Contestualmente alla dichiarazione di residenza deve essere presentata la denuncia ai fini dell’applicazione della TARI compilando l’apposito modulo reperibile tra gli allegati. 

In base al D.L. 28/03/2014 n.47 convertito in legge 23 maggio 2014, n. 80, art. 5, “Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge".

Pertanto nell'ultima pagina della dichiarazione di residenza vengono richieste informazioni obbligatorie relative al titolo di occupazione dell’immobile presso il quale l’interessato ha fissato la propria dimora abituale (proprietà, locazione, comodato, usufrutto, assenso del proprietario o del locatario, contratto di lavoro o di servizio). 

Al punto 6) della predetta dichiarazione possono essere indicate, a titolo esemplificativo, le seguenti situazioni:

Soggetto che trasferisce la residenza Documentazione relativa al titolo di occupazione dell’immobile

Titolare di contratto di locazione 

- Copia del contratto (se non registrato) oppure estremi della registrazione all'Agenzia delle Entrate
  oppure
- Dichiarazione di assenso del proprietario

Titolare di contratto di comodato d’uso

- Copia del contratto (se non registrato) oppure estremi della registrazione all'Agenzia delle Entrate
   oppure
- Dichiarazione di assenso del proprietario

Titolare di una dichiarazione di assenso da parte del proprietario

- Dichiarazione di assenso del proprietario

Familiare o ospite del titolare di un contratto di locazione

- Dichiarazione di ospitalità da parte del titolare di contratto di locazione o firma per assenso dell'intestatario della scheda anagrafica e del titolare del contratto di locazione nello spazio dedicato alla firma degli altri componenti (ultima pagina).

Badante o persona legata al titolare di un titolo di legittima occupazione dell’immobile da un contratto di servizio

- Contratto di lavoro o di servizio
- Firma per assenso dell'intestatario scheda

Nel caso in cui il cambio di residenza interessi una persona minore e non avvenga contestualmente ad entrambi i genitori, si alleghi dichiarazione di assenso del/dei genitori con allegati i documenti d'identità dei firmatari.

Aggiornamento della patente di guida e delle carte di circolazione
Il dichiarante deve indicare, inoltre, per sé e per le eventuali altre persone interessate alla variazione della residenza, gli estremi della patente di guida e delle carte di circolazione dei veicoli immatricolati in Italia.

Dal 2 febbraio 2013 non viene più inviato l’adesivo di aggiornamento per la patente.

Dal 2020 non viene più inviato l'adesivo di aggiornamento per la carta di circolazione.

Sul sito www.ilportaledellautomobilista.it è possibile consultare lo stato dell’aggiornamento della propria residenza accedendo con i dati della propria patente o con quelli dei propri veicoli.

La dichiarazione di cambio di abitazione deve essere firmata da tutte le persone maggiorenni che cambiano indirizzo e corredata delle copie dei documenti d’identità. Per gli stranieri è necessario allegare copia del passaporto e copia del titolo di soggiorno.

La mancata compilazione dei campi relativi ai dati obbligatori indicati sul modulo comporta la non ricevibilità della domanda.

Decorrenza del cambio di residenza: data di presentazione dell’istanza.

------------------
Convivenza di fatto

La dichiarazione della costituzione di una convivenza di fatto può essere presentata contestualmente alla dichiarazione di cambio di abitazione o anche successivamente.
Sono conviventi di fatto due persone maggiorenni, dello stesso sesso o di sessi diversi, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un'unione civile.

CONTATTI

Servizi Demografici
Ufficio Anagrafe 
Indirizzo: via San Pancrazio n. 34 (piano terra) 
Tel: 0833.281020 int. 3
email: anagrafe@comune.alezio.le.it

PEC: protocollo.comune.alezio@pec.rupar.puglia.it

Responsabile del procedimento: Dott. Francesco Antonio Cherillo, Dott. Stefano Prete

TEMPI
Il cambio di residenza viene registrato nei 2 giorni lavorativi successivi alla presentazione della dichiarazione di residenza.

L’ufficio provvede ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti. Qualora trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione presentata, non venga effettuata la comunicazione degli eventuali requisiti mancanti, la registrazione del cambio di abitazione si intende confermata.
In caso di accertamento negativo, viene inviata all'interessato comunicazione di preavviso di rigetto dando 10 giorni di tempo per presentare osservazioni scritte. Tale comunicazione sospende i termini per la conclusione del procedimento (45 giorni) che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine dei 10 giorni sopra indicati.

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli artt. 75  e  76 del Dpr  445/2000 che dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti e il rilievo penale della dichiarazione mendace. Nel caso in cui si dovessero riscontrare discordanze tra le dichiarazioni rese  e gli esiti degli accertamenti esperiti verrà segnalato quanto è emerso alle autorità di Pubblica sicurezza e sarà ripristinata la posizione anagrafica precedente

X
Torna su